La tempesta sedata

23 Gesù salì sulla barca e i suoi discepoli lo seguirono. 24 Ed ecco si sollevò in mare una così gran burrasca, che la barca era coperta dalle onde; ma Gesù dormiva. 25 E i suoi discepoli, avvicinatisi, lo svegliarono dicendo: «Signore, salvaci, siamo perduti!» 26 Ed egli disse loro: «Perché avete paura, o gente di poca fede?» Allora, alzatosi, sgridò i venti e il mare, e si fece gran bonaccia. 27 E quegli uomini si meravigliarono e dicevano: «Che uomo è mai questo che anche i venti e il mare gli ubbidiscono?»

(Matteo 8)

bibbia

Per la sua rubrica #pregolaparola, commenta così il fratello Robert Cheaib la pericope evangelica proposta per l’ascolto, la meditazione e la preghiera di oggi.

Se non si sentono le onde è probabile che non ci si è proprio imbarcati. A volte ci sentiamo abbandonati dal Signore oppure lontani da Dio perché la nostra barca è sballottata dal vento. Questo vangelo è una prova “incarnata” che queste conclusioni sono infondate; ci insegna che la cosa che più importa è non perdere di vista Colui che dimora al centro del nostro essere. E non basta, poi, riconoscerlo come esistente o addirittura come presente, ma bisogna saper rispondere a questa domanda: «Chi è mai costui?».

Si tratta di un brano di triplice tradizione, ovvero un brano riportato, con pochissime differenze, dai tre evangelisti sinottici, Matteo, Marco e Luca. E che, nell’episodio, fa riecheggiare le parole del salmo 107.

25 Egli comanda, e fa soffiare la tempesta
che solleva le onde.
26 Salgono al cielo, scendono negli abissi;
l’anima loro vien meno per l’angoscia.
27 Traballano, barcollano come ubriachi
e tutta la loro abilità svanisce.
28 Ma nell’angoscia gridano al SIGNORE
ed egli li libera dalle loro tribolazioni.
29 Egli riduce la tempesta al silenzio
e le onde del mare si calmano.
30 Si rallegrano alla vista delle acque calme,
ed egli li conduce al porto tanto sospirato.

Riconosciamo, fratelli e sorelle, che in ogni momento della nostra vita, sia di calma che di tempesta, siamo sempre alla presenza del Signore. Egli è sempre con noi; se solo ce ne ricordassimo più spesso, le tempeste della nostra vita troverebbero in lui risoluzione, secondo la Sua volontà!

Informazioni su Luca Zacchi

http://www.lucazacchi.it - On the ancient path of God, the Holy Bible. Work in #InformationTechnology and #Communication since 1984. Project #digitalstrategy. #PlaySubbuteo since 1973
Questa voce è stata pubblicata in Fede_Cristiana. Contrassegna il permalink.