Unici, non uguali

21 La legge è dunque contraria alle promesse di Dio? No di certo; perché se fosse stata data una legge capace di produrre la vita, allora sì, la giustizia sarebbe venuta dalla legge; 22 ma la Scrittura ha rinchiuso ogni cosa sotto peccato, affinché i beni promessi sulla base della fede in Gesù Cristo fossero dati ai credenti. 23 Ma prima che venisse la fede eravamo tenuti rinchiusi sotto la custodia della legge, in attesa della fede che doveva essere rivelata. 24 Così la legge è stata come un precettore per condurci a Cristo, affinché noi fossimo giustificati per fede. 25 Ma ora che la fede è venuta, non siamo più sotto precettore; 26 perché siete tutti figli di Dio per la fede in Cristo Gesù. 27 Infatti voi tutti che siete stati battezzati in Cristo vi siete rivestiti di Cristo. 28 Non c’è qui né Giudeo né Greco; non c’è né schiavo né libero; non c’è né maschio né femmina; perché voi tutti siete uno in Cristo Gesù. 29 Se siete di Cristo, siete dunque discendenza d’Abraamo, eredi secondo la promessa.

(Galati 3)

open-bible-000016872064_large (1)

Oggi nelle chiese cattoliche si ascolta, come seconda lettura, gli ultimi quattro versetti (26-29) di quelli che ho riportato sopra, in questo modo:

Fratelli, tutti voi siete figli di Dio mediante la fede in Cristo Gesù, poiché quanti siete stati battezzati in Cristo vi siete rivestiti di Cristo.
Non c’è Giudeo né Greco; non c’è schiavo né libero; non c’è maschio e femmina, perché tutti voi siete uno in Cristo Gesù.
Se appartenete a Cristo, allora siete discendenza di Abramo, eredi secondo la promessa.

Uno fra i brani più “gettonati” in questo nostro mondo dove anche la Bibbia ed i Vangeli hanno una loro hit parade di brani più citati e di più “universale” accettazione.
Questo di Galati 3 è uno di quelli che “li batte tutti”.

Però li batte tutti anche per fraintendimento…
E’ un brano amato dalle folle, perchè sembra che tutto sia uguale, che ogni differenza sia abolita. Nè schiavi, nè liberi, nè maschi nè femmine, nè giudei nè greci.
Abolizione delle differenze sociali, delle differenze sessuali, delle differenze di razza e nazionalità.

Peccato però, nella Scrittura è detto chiaramente da Paolo, che questo avvenga, sia valido, per chi appartiene a Cristo Gesù, per chi è battezzato in Cristo (battezzato = immerso, completamente conforme al Cristo, fuori dalle logiche di questo mondo), per chi si è rivestito di Cristo (e si è spogliato di tutto il resto).

Qui si parla di dignità fondamentale della creatura umana, ma in giro, parlando di questo brano, si pensa alle apparenze del mondo. E ci si rende ridicoli…

Quelli che ti citano “non c’è più schiavi nè liberi” sono quelli che ti dicono che è giusto comprare donne, bambini ed uteri al mercato; quelli che ti dicono non c’è più maschio nè femmina, sono quelli che ti fanno elenchi di cinquanta, sessanta, “generi” sessuali diversi, e litigano pure tra di loro su quali siano più o meno ammissibili. Quelli che “non contano più la razza o la religione” poi però si propongono di togliere libertà di parola o di espressione a quelli che si oppongono al loro “pensiero unico”, alla loro “cultura dominante”.

Non c’è Giudeo né Greco; non c’è schiavo né libero; non c’è maschio e femmina, perché tutti voi siete uno in Cristo Gesù.

E’ valido se appartenete a Cristo! Se siete per Cristo, con Cristo, in Cristo!
Nella vita del mondo così come è, senza l’Evangelo, è solo una menzogna.
E così viene vissuta dai più, questa affermazione.

Non c’è più nessuna differenza per chi è in Cristo Gesù.
Ma per chi non ha fede, per chi non fa della Parola di Dio l’unico fondamento della propria vita, la differenza c’è, eccome, e si vede tutta. E bene anche. Specie in tempi come questo.

Che il Signore accresca la nostra fede. Che capiamo, una volta per tutti che siamo unici, ma non siamo uguali! Non lo siamo mai stati, e mai lo saremo.

Siamo amati, da Dio, questo si, di un amore unico. Ma non siamo “uguali” ai suoi occhi, nel senso inteso dal mondo. Non lo siamo, ed avremo destini diversi quando verrà il tempo.

Unici, non uguali.

Informazioni su Luca Zacchi

http://www.lucazacchi.it - On the ancient path of God, the Holy Bible. Work in #InformationTechnology and #Communication since 1984. Project #digitalstrategy. #PlaySubbuteo since 1973
Questa voce è stata pubblicata in Fede_Cristiana. Contrassegna il permalink.