Sistemista Inside and Out | Luca Zacchi | LinkedIn

La qualifica professionale di Sistemista è la prima che ho avuto quando, alla veneranda età di ventun anni, nell’orwelliano 1984, ossia un secolo fa, ho iniziato ad occuparmi di sistemi informativi.

I primi lavori svolti, per la società Systena, erano di trasposizione di programmi nativi per enormi computer mainframe sui primi personal computer IBM compatibili, specialmente l’Olivetti M24, che si andavano diffondendo in Italia.

Poi, negli anni in cui ero principalmente formatore di futuri sacerdoti a Roma, in Vaticano, comunque lavoravo come Sistemista anche al Pontificio Seminario Romano Maggiore, mettendo in comune i linguaggi e i programmi dei computer usati per la gestione della Segreteria Generale con quelli che editavano le varie pubblicazioni e la rivista “Sursum Corda“, che veniva stampata fuori.

Così come facevo crescere assieme giovani ed adulti provenienti da mezzo mondo e con decine di storie di vita e di fede differenti.

Quando ripresi a lavorare ‘nel secolo’, nel 1997, mi ritrovai in una Azienda, laConvert Italia che era in una fase di rapida crescita e che mi affido il compito di far andare d’accordo e pian piano di armonizzare una rete Novell, con una reteNT 4.0, un AS400 IBM ed un Server Unix che gestiva la parte amministrativa (e scusate se è poco…). Oltre che di metter su una rete geografica (una WAN) tra le diverse sedi dell’azienda. Nonchè di farla crescere sul Web e sulle reti sociali in crescita ed in rapidissima espansione. Ci ho trascorso quasi vent’anni.

Oggi, dopo tanti anni, siamo nel 2016, mi hanno chiesto un altro lavoro di Sistemista, in una situazione aziendale dove, interventi succedutisi uno dopo l’altro, senza programmazione, per rispondere alle emergenze del momento, hanno creato una situazione dove il dialogo va avanti, ma non si sa come, a volte si interrompe, poi accelera, poi rallenta, ed è costantemente a rischio.

Ed oggi, come in un lampo, ho finalmente capito perchè ho studiato al Liceo Classico, poi ho approfondito a livello universitario, fino al Dottorato, Filosofia Teologia e infine Diritto. Che apparentemente cosa c’entrano con la mia formazione professionale, di tipo tecnico?

Perchè sono un Sistemista Inside and Out.

Con le macchine come con le persone.
Perchè mettere in comunicazione una macchina con l’altra o una persona con l’altra può essere più o meno facile, ma non basta, non è sufficiente.
Occorre farlo con un metodo, con un sistema, che sia il più corretto per rispettarne le specificità, le sensibilità.
Occorre usare il giusto protocollo.

Molto più facile con le macchine che con le persone, o con Dio.

Per le prime bastano lo studio, la tecnica, l’elasticità mentale, la voglia di mettersi sempre alla prova e in discussione.

Per le seconde ci vuole anche una grazia molto, molto particolare. Ci vuole La Grazia, direi.

Ma io sono un Sistemista Inside and Out!
E non mi manca il desiderio di dimostrarlo.
Davanti a Dio, come davanti agli uomini.
O, perchè no, anche alle macchine.
Sempre degli uomini ci sono dietro.

 

Sorgente: Sistemista Inside and Out | Luca Zacchi | LinkedIn

Informazioni su Luca Zacchi

http://www.lucazacchi.it - On the ancient path of God, the Holy Bible. Work in #InformationTechnology and #Communication since 1984. Project #digitalstrategy. #PlaySubbuteo since 1973
Questa voce è stata pubblicata in Fede_Cristiana. Contrassegna il permalink.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: