Signore del suo destino

Credersi signore e padrone del proprio destino è cadere tra le braccia dell”oscurità… Una bella recensione de “I figli di Hurin” di Tolkien scritta dall’amico blogger Berlicche.

Berlicche

Ho appena terminato di leggere “I figli di Hurin”, una delle opere che J.R.R. Tolkien, l’autore del Signore degli Anelli e de Lo Hobbit, non pubblicò durante la sua vita perché incomplete, e che suo figlio ha ricostruito a partire dai manoscritti.
Per quelli che un pochino di quel mondo fantastico masticano, niente di particolarmente nuovo. Si tratta della versione estesa di quel racconto che compare anche nel Sirmarillion, la saga di Turin Turambar, Turin “Signore del destino”.
Di tutte le opere di Tolkien questa è forse la più deprimente. Il protagonista, Turin figlio di Hurin appunto, è bersagliato da quello che gli irrispettosi potrebbero chiamare sfiga cosmica: in pratica, a causa di una maledizione di Melkor (il Satana di quel mondo) tutto quello che fa alla fine va storto. E spesso in maniera spettacolare.
In quest’opera si ritrovano tratti di antiche saghe, di eroi con destini similari. Nella prima…

View original post 259 altre parole

Informazioni su Luca Zacchi

http://www.lucazacchi.it - On the ancient path of God, the Holy Bible. Work in #InformationTechnology and #Communication since 1984. Project #digitalstrategy. #PlaySubbuteo since 1973
Questa voce è stata pubblicata in Fede_Cristiana. Contrassegna il permalink.