Le leggi ingiuste, secondo Buzzati

Ho sempre amato Dino Buzzati, me lo fece conoscere mio padre Giovanni., dandomi da leggere “Il deserto dei tartari”. A seguire ne ho ruminato tutta l’opera…

Giuliano Guzzo

Buzzati

«Una legge proibisce formalmente di occuparci delle montagne: né salirci né parlarne e neppure guardarle, possibilmente. “Possibilmente”, così dice la parola del legislatore con una pretesa che egli stesso evidentemente giudicava eccessiva. Perché esse stanno sempre sopra la città, dalla parte del settentrione,

View original post 367 altre parole

Informazioni su Luca Zacchi

http://www.lucazacchi.it - On the ancient path of God, the Holy Bible. Work in #InformationTechnology and #Communication since 1984. Project #digitalstrategy. #PlaySubbuteo since 1973
Questa voce è stata pubblicata in Fede_Cristiana. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Le leggi ingiuste, secondo Buzzati

  1. Paul Candiago ha detto:

    Distillazione: chi fa le leggi e’ il parlamento, chi elegge il parlamento i cittadini, chi dice ai cittadini per chi votare alle elezioni, di carattere democratico, il cittadino. Non penso che se il parlamento/governo fa leggi sbagliate si debba dar colpa a loro, ma ai cittadini che ha votato i suoi rappresentanti . Questo modello di governo ha la possibilita’ di essere giusto o falso per la insita procedura della sua formazione e puo’ erogare leggi giuste o ingiuste. ( Basti solo pensare all’ambiguita’ democratica del 50+1) Essendo questa organizzazione parlamentare la rappresentanza del popolo, e’ il popolo che fa leggi giuste o sbagliate: chi e’ causa del suo bene o male sia contento o pianga se stesso. Se quanto soprascritto non e’ vero, che il parlamento cosi’ eletto rappresenta la volonta’ del popolo, allora il sistema di voto va cambiato, in qualche modo, per garantire che le leggi che veranno emanate dal parlamento siano sempre al servizio della Verita’ e Giustizia. Paul

    Mi piace

I commenti sono chiusi.